diamo a tutti un giaciglio le nostre case di accoglienza aiutiamo gli ultimi ti diamo del cibo Belisario chiede l'elemosina di Jacques-Louis David fai una donazione la Rina in bicicletta diventa Volontario

tenta la fortuna con la lotteria dell’Arca

Partecipa alla 1° Lotteria di Capodanno dell’Arca per vincere 14 fantastici premi. Estrazione il 9 gennaio 2021 presso la sede di San Lazzaro di Savena. Un biglietto costa solo 5 euro

 

acquista i biglietti

scarica il regolamento

festeggia il Natale con il Panettone dell’Arca!

Una nuova grande opportunità per sostenere le attività dell’Arca della Misericordia: il Panettone dell’Arca!

Una “gustosa” novità per la quale abbiamo scelto un prodotto artigianale di eccellente qualità, preparato per noi dal rinomato Panificio Pasticceria Testa di Treviglio, in provincia di Bergamo.

 

vai all’acquisto

la cooperativa Cedro del Libano

Di che cosa si occupa la cooperativa Il Cedro del Libano?

– grande mARCAtino dell’usato
– sgomberi
– piccoli traslochi
– altri servizi

Sono attività che l’Arca della Misericordia svolge da tantissimi anni gratuitamente. Al fine di creare nuove opportunità di lavoro per chi è socialmente escluso, abbiamo pensato di utilizzare queste conoscenze, competenze, risorse e rete solidale per strutturarle e organizzarle in una cooperativa dedicata a queste funzioni.

guarda la scheda della cooperativa

guarda gli articoli che puoi trovare al Cedro

Adamà è aperta

il prossimo sabato 24 ottobre siamo aperti sul fondo rustico di Altura dalle 9:30 alle 11:30 per offrirvi i nostri primi prodotti sempre naturali, che potrete tagliare voi stessi sul campo.

Inoltre dalla collaborazione con Dulcamara le uova del pollaio sociale, non sono certificate bio ma i mangimi sono naturali e no OGM solo su ordinazione.

vai all’acquisto

guarda la scheda della cooperativa


Aiutateci ad aiutare

Purtroppo l’emergenza Corona Virus, che già tante sofferenze e disagi ha creato in Italia e nel mondo, sta mettendo in difficoltà anche le Associazioni come la nostra. L’impossibilità di svolgere eventi di autofinanziamento mette a dura prova la disponibilità di risorse, già scarse. In questo momento abbiamo particolare bisogno di sostegno, economico e pratico.

Aiutateci a sostenere queste persone abbandonate, emarginate e senza futuro. Servono fondi, perché le spese sono tante, servono braccia che non temano la fatica, servono mani che sappiano fare una carezza e non abbiano paura di sporcarsi.


Serve coraggio per difendere chi non lo può fare, serve tenerezza per dare un po’ di speranza e serve tanto amore.
Aiutateci ad aiutare

 


Dal Bologna e dai suoi Partner

una grande raccolta di generi di prima necessità

A fronte dell’emergenza in atto, il Bologna scende in campo con un’azione concreta a sostegno delle persone in difficoltà dando il via, in sinergia con i suoi Partner food and beverage, a un progetto di distribuzione di generi alimentari di prima necessità e kit sanitari.

continua a leggere

vuoi essere bellissima?

al Cedro del Libano, un’occasione che non puoi perdere: degli splendidi abiti da sposa e abiti da cerimonia
leggi di più


 

Negozio di vestiti usati

L’Arca della Misericordia ha allestito un negozio di vestiti usati in ottimo stato per adulti e bambini, giocattoli e articoli di arredamento, grazie alle tante donazioni ricevute.

gli articoli sono in vendita a fronte di un’offerta libera. Il negozio è situato in Via Barbieri 103 a Bologna ed è aperto a seconda delle disponibilità delle commesse volontarie.

leggi di più


Roberta Brasa, presidente di Arca della Misericordia, durante la messa officiata da Matteo Zuppi in occasione dei 25 anni dell’Associazione, ripercorre le tappe di crescita dell’Arca

 


S.E. Mons. Matteo Maria Zuppi celebra, nella Chiesa di Caselle, una messa per i 25 anni dell’Arca della Misericordia; sottolinea l’importanza dell’aiuto fornito dall’Arca nell’assistere gli ultimi della terra

 



Finalmente nella nuova casa

Nei primi giorni di marzo (2020), in pieno Corona Virus, tutti gli ospiti di Caselle si sono trasferiti nella nuova casa: l’ex fienile  ristrutturato con i soldi della curia. Ognuno degli ospiti ha dato il suo contributo: gioia ed emozioni.

leggi di più

 

Zuppi benedice la nuova casa dell’Arca

S. Em. Card. Matteo Maria Zuppi ha inaugurato e benedetto la nuova casa dell’Arca della Misericordia (la nona, il Fienile ristrutturato), nella nuova casa gli ospiti saranno una ventina, tra uomini, donne e una famiglia di 3 persone. Presenti molti amici e sostenitori dell’Arca. (leggi l’articolo completo sulla inaugurazione della nuova casa)

 


La ristrutturazione del fienile

Proseguono i lavori di ristrutturazione del fienile; alla loro conclusione (prevista per Novembre 2019), sarà disponibile un nuovo spazio abitativo per gli ospiti dell’Arca della Misericordia.

Ne hanno parlato di recente (21/5/2019) a TV 2000 all’interno di una lunga e bella intervista a Matteo Zuppi; il vescovo di Bologna parlando di Cara, Rina e Roberta dice tra l’altro sono quelle che nel gaudet et exsultate vengono chiamati i santi della vita ordinaria
leggi l’intervista
vedi anche l’inaugurazione della nuova casa

 


Dai profitti della Faac 10 milioni di solidarietà

Articolo La Repubblica sugli utili FAACNella cronaca di Bologna, su La Repubblica del 21 novembre 2019 un interessante articolo di Marco Bettazzi sull’uso che la Curia fa degli utili derivanti dalla gestione della Faac: all’interno una brevissima intervista a Roberta Brasa (click sull’immagine)

 


A.D.AMA vista dal cielo

Riprese sul campo di A.D.AMA con drone e intervista a Luigi Pastore e a Valentin  

A.D.AMA’ Cooperativa sociale agricola, vi ricorda che al momento siamo aperti solo il sabato mattina dalle ore 9:00 alle ore 11:30fondo rustico in Via Altura BO.

Carla Ricci Signorini, ex bibliotecaria oggi in pensione, da più di 10 anni insegnante di italiano agli stranieri presso Aprimondo Centro Poggeschi, parla del suo rapporto con Arca della Misericordia

 


Don Paolo Dall’Olio, assistente spirituale dell’Arca della Misericordia, ripercorre i momenti più significativi del suo incontro con Roberta, Rina e Carla, le tre fondatrici dell’Associazione.